Il legno che si utilizza per produrre pallet e imballaggi proviene da foreste gestite in modo sostenibile: la domanda di prodotti fabbricati in legno aumenta e di conseguenza aumentano le piantagioni dedicate. La superficie forestale in Europa è in costante aumento: ogni anno cresce di un'area grande come Cipro.

 

I boschi fungono da riserve di carbonio. Infatti, nel corso della sua crescita, l'albero assorbe dall'atmosfera una quantità di anidride carbonica pari a una tonnellata per ogni metro cubo di legno prodotto. Il legno continuerà a conservare l'anidride carbonica assorbita fino alla fine del suo ciclo vitale.

I pallet e gli imballaggi sono prodotti utilizzando i ciocchi più piccoli e tavolame di seconda scelta, rientrando così nel sistema "a cascata": un sistema molto efficiente che vede utilizzata ogni parte dell'albero.

I pallet in legno possono essere facilmente riparati con pezzi di legname, riciclati per ottenere cippato oppure usati per fabbricare altri prodotti. Inoltre, quando il legno ha raggiunto la fine del suo ciclo vitale, può essere usato come combustibile rinnovabile.

Il legno può sostituire molti materiali meno ecologici, come la plastica. La produzione del legno, infatti, è più pulita: ad esempio, richiede molta meno energia della plastica. Inoltre, rispetto ad altri prodotti provenienti dall'industria petrolchimica, sfrutta un ciclo del carbonio breve.

Il legno è l'unico materiale ampiamente utilizzato che ha un effetto benefico sull'impronta di carbonio. Un pallet di legno assorbe e conserva circa 27 kg di carbonio, riducendo l'impatto sull'ambiente dell'attività commerciale che ne sta facendo uso.